ANCI PUGLIA SOLIDALE AL SINDACO DI GRUMO APPULA

La Puglia nel 2013 ha il triste primato italiano per minacce e atti intimidatori nei confronti di amministratori locali (ben 134 episodi nel 2013 e 47 registrati nel primo semestre del 2014). L'ultimo episodio in ordine di tempo riguarda il Sindaco di Grumo Appula Michele D'Atri, aggredito brutalmente il 29 novembre scorso da un operatore ecologico, riportando diverse ferite. L'episodio è avvenuto durante una riunione del Sindaco con la nuova ditta addetta alla raccolta differenziata dei rifiuti incaricata di gestire il servizio nel Comune.  Anci Puglia, da parte del presidente Luigi Perrone e degli organi statutari, esprime solidarietà e sostegno al sindaco. “L'attacco ai sindaci – ha dichiarato il presidente Anci Puglia in un comunicato stampa – purtroppo è sempre più frequente. E' un fatto gravissimo perché mortifica dignità e identità delle comunità, denigrando la presenza dello Stato sul territorio. Ribadiamo la necessità di affrontare con decisione il tema della sicurezza degli amministratori locali, serve una risposta forte e decisa dello Stato, anche con un intervento legislativo mirato, che preveda pene più severe e adeguati strumenti investigativi. Anche in quest’ottica, ribadisco che è fondamentale da parte del Governo, attenzionare e intervenire sul grave stato di difficoltà finanziaria di molti Comuni meridionali, impossibilitati a garantire servizi essenziali ai cittadini e costretti a fronteggiare il crescere del disagio sociale. E per il 2015 la situazione sarà fortemente peggiorata dalla legge di stabilità, le aperture del Governo non soddisfano e non consentono la  sostenibilità della manovra per i Comuni del sud. E’ chiaro inoltre, che sul territorio serve anche intensificare l'impegno delle forze dell'ordine e delle istituzioni competenti per l'affermazione della legalità e per la sicurezza degli amministratori locali.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *