PATENTI SPECIALI E INDENNITÀ DI ACCOMPAGNAMENTO

Il Ministero della Salute – Direzione generale della prevenzione sanitaria ha inviato al Dipartimento della Funzione pubblica una nota in cui si evidenzia la compatibilità in astratto tra patenti speciali e indennità di accompagnamento.

“Il discrimine – dice la nota – è la guida in condizioni di sicurezza per sé e per gli altri: se la patologia della persona richiedente la patente di guida, pur beneficiaria dell’indennità di accompagnamento, è tale da consentire la possibilità di una guida in condizioni di sicurezza per sé e per gli altri, la patente potrà essere concessa o rinnovata”.

“Nella speranza che questa notizia – evidenzia Michele Caradonna Presidente Provinciale ANMIC Bari – possa contribuire a dar maggior delucidazioni agli Enti preposti affinchè quei pochi Diritti, spettanti agli invalidi, siano realmente concessi.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.