PROCEDURA PER LA CANCELLAZIONE DEL REDDITO DI INVALIDITÀ CIVILE DALL’ISEE

Invalidità, l’INPS ha adeguato i programmi e le procedure per le nuove prescrizioni

Isee escluda redditi invalidità. La nota sentenza del Consiglio di Stato interviene per dichiarare che non sono da considerare nel conteggio dell’ISEE le provvidenze e i benefici economici erogati dallo Stato per compensare la condizione di disabilità.

Sono escluse dal computo dell’Isee: l’indennità di accompagnamento, la pensione e l’assegno di invalidità civile e le altre indennità compensative della situazione di disabilità. In tal senso, l’INPS ha adeguato i programmi e le procedure per adempiere alle nuove prescrizioni.

Isee escluda redditi invalidità: le correzioni dell’Inps

La correzione della DSU (dichiarazione sostitutiva unica) che dà accesso alla formulazione dell’ISEE, deve essere fatta tenendo conto del soggetto che ha inizialmente operato la originaria richiesta. Chi ha presentato l’ISEE online potrà presentare contestazione online, chi lo ha fatto tramite CAF dovrà presentare la contestazione tramite CAF.

Da sapere: tocca all’interessato verificare

È importante sapere che la correzione del calcolo non avverrà automaticamente ad iniziativa dell’INPS. Dovrà essere l’interessato (direttamente o tramite CAF) che dovrà accedere alla rettifica attraverso la procedura di “contestazione”. È questa l’unica maniera per non vedersi conteggiata la indennità di accompagnamento.

Sono in corso approfondimenti per valutare ogni conseguenza (anche di tipo risarcitoria o indennitaria) per coloro che: sono stati esclusi dall’accesso alle prestazioni e ai servizi a causa della precedente formulazione dell’ISEE, o che non hanno fatto domanda perché, allo stato, non avrebbero ottenuto la prestazione o il servizio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *